Colpo d'ala, 1984
fiberglass
150 × 180 × 208 cm

(scheda 741 del Catalogo ragionato)

"Ho dedicato questa scultura a Umberto Boccioni  - racconta Pomodoro -  il primo grande artista nella scultura del Novecento, che ha svolto l’analisi del movimento, con una scomposizione delle forme monumentali, analisi poi sviluppata dagli altri maggiori scultori del secolo (Brancusi, David Smith e Calder). Nel Colpo d’ala ho voluto portare il mio stile alla stessa finalità: la freccia è così mobile che appare disarticolata; l’uccello viaggiatore vuol essere così aperto, inventivo e imprevedibile, da sentire ogni nuova direzione. E lo studio dei volumi compensa, con espressione di potenza, questo movimento difficile e agilissimo dell’uomo contemporaneo".